Dimore storiche

17 ottobre 2022
Dimore Storiche

Palazzo Chiablese

Un tuffo tra passato, presente e futuro. Restituzione di storia, bellezza ed arte in forme e luoghi diversi. Un sogno antico vivo nel presente che racconta molto di noi, del nostro popolo e dei nostri antenati.

Che cosa sono le dimore storiche?

Una tradizione storica, un museo diffuso per tutta Italia che rappresenta una componente importante del nostro patrimonio culturale. Le dimore storiche sono beni culturali tutelati dallo Stato, che ne deve favorire la conservazione, e sono affidati alla responsabilità dei proprietari. Si tratta di un patrimonio vasto ed eterogeneo: case e palazzi, ville e castelli, ma anche giardini e tenute agricole.

Ciò che contraddistingue questi beni è la precisa identità, unica in Europa che identifica il singolo sito per la sua storia, il suo valore culturale e per il legame, stretto se non indissolubile, con il territorio di riferimento.

Diffuse su tutto il territorio italiano, specialmente nelle zone di campagna o in provincia, sono però presenti anche in città dove ritroviamo palazzi unici e dal valore inestimabile.

Sono più di 60 le dimore storiche presenti in Piemonte e Valle d’Aosta, di cui 25 in provincia di Torino.

Reggia di Venaria Reale

Reggia di Venaria Reale

Il nostro lavoro di tappezzieri in stoffa al servizio del passato

Ma cosa c’entrano le dimore storiche con il nostro lavoro di tappezzieri in stoffa?

Il nostro lavoro inizia tanti anni fa e prosegue fino ad oggi, sempre attento alle nuove tendenze e ai materiali più all’avanguardia, non ha però mai smesso di strizzare l’occhio al passato e occuparsi di ricostruzioni di antichi palazzi.

Ricerca dei tessuti, cura e attenzione nella riproduzione degli stessi dove necessario, tendaggi, imbottititi per riportare l’antica bellezza al suo splendore originale.

LATTORE AMBIENTAZIONI NELLE DIMORE STORICHE

Sono tanti i lavori di cui ci siamo occupati per quanto riguarda le Dimore Storiche, in Piemonte ma non solo passando per il Polo Museale Gallerie d’Italia Torino, il Castello di Aymavilles, la Reggia di Venaria, il Teatro di Novi Ligure, il Palazzo Avogadro della Motta, la Residenza Napoleonica Vercelli per citarne alcuni.

Il nostro lavoro contempla il rifacimento delle tappezzerie, degli imbottiti, delle testiere dei letti fino al rifacimento del percorso di visita.

 Tra gli ultimi, ma non certo per importanza, è stato il rifacimento dell’Alcova di Palazzo Chiablese a Torino in collaborazione con il Centro Restauro Venaria Reale.

Castello di Aymavilles

Castello di Aymavilles

Ma da dove iniziare?

Bisogna iniziare da un discorso di tipo strettamente storico e dalle vicissitudini che dal 1940 ad oggi che hanno pesantemente alterato, Palazzo Chiablese, oggi sede della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e reso visitabile da poche settimane.

Alla vigilia della Seconda guerra mondiale il palazzo, assegnato ai Savoia-Genova nel 1849, fu svuotato dagli arredi più preziosi che, nella maggior parte dei casi, non tornarono nella loro sede: colpite dai bombardamenti anglo-americani, alcune sale furono distrutte e perdettero così completamente anche i loro apparati decorativi.

Alla fine degli anni ’50, il palazzo fu restaurato per essere adibito a sede della Soprintendenza: alcune delle sale auliche sopravvissute furono restaurate mantenendo il loro aspetto storico di residenza dinastica; altre invece, maggiormente coinvolte dai danni bellici, furono invece ricostruite prive di decorazioni per poterle meglio usare come uffici.

A partire dal 2016, su impulso del Soprintendente Papotti, si è avviata un’attenta campagna di restauro degli ambienti del piano nobile ed eseguita, con finanziamenti ministeriali e con il contributo di altri importanti sponsor, dal Centro di Conservazione e Restauro “la Venaria Reale”: le sale sono state così progressivamente liberate dalle postazioni di lavoro per avviare la creazione di un vero e proprio percorso di visita fruibile dal pubblico.

Una tappa fondamentale di questa iniziativa è stato il ritrovamento e la restituzione allo Stato del più prestigioso tra gli arredi dispersi, il superbo doppio corpo eseguito da Pietro Piffetti nel 1767-1768 per un altro ambiente nel palazzo e collocato nella Sala dell’Alcova nel 1883, in occasione del matrimonio fra Tommaso di Savoia-Genova e Isabella di Baviera. L’ambiente, concepito da Benedetto Alfieri alla metà del Settecento e trasformato in camera da letto per le nozze di Ferdinando di Savoia-Genova con Elisabetta di Sassonia (1850), aveva mantenuto, nonostante i danni di guerra, parte della sua decorazione originale. Di qui l’esigenza di ridare il sontuoso aspetto originale alla Sala dove sarebbe stato ricollocato il prezioso mobile di Piffetti: completato a cura del Centro di Venaria il restauro degli stucchi della volta e delle parti lignee (porte, cornici, lambris e i cantonali incrostati di specchio), si è progettata la ricostruzione degli apparati tessili, andati perduti dopo i bombardamenti, ma testimoniati dalle fotografie d’inizio Novecento.

dimore Storiche_Palazzo Chiablese

Palazzo Chiablese

Il nostro lavoro come tappezzieri in stoffa entra a far parte di questo straordinario progetto per il rifacimento dei tessuti sia per la tappezzeria sia per i tendaggi per donare l’antico splendore alla sala.

Si è partiti dalla ricostruzione del motivo decorativo che aveva l’emblema araldico dei Savoia con il nodo d’amore con abilità e pazienza.

Ogni piccolo dettaglio, anche quello che all’apparenza sembra insignificante, è utile in queste opere di ricostruzione.

Il colore originale, ad esempio, che non si poteva ricostruire con le immagini storiche in bianco e nero, è stato ricavato grazie al ritrovamento di un frammento della seta originale intorno ad un chiodo che ha permesso di risalire alle esatte tonalità.

Dettagli_Dimore Storiche
Dettagli_Dimore Storiche

Palazzo Chiablese

Erano però rimasti alcuni aspetti progettuali irrisolti: per esempio, andato perduto nei bombardamenti  il fregio scolpito sopra l’arco che divide la sala dall’alcova vera e propria, era necessario trovare una soluzione per sostituire l’elemento perduto e non lasciare così spoglio l’arco stesso: il dottor Massimiliano Caldera, subentrato nel corso dei lavori alla direzione del palazzo Chiablese, ha cercato di risolvere questo problema, recuperando dai depositi una mantovana neobarocca scolpita a forma di corona e chiedendo a noi di disegnare un drappeggio che raccordasse l’alcova dal resto dell’ambiente.

Tessuto e passamaneria adeguata, ristudiati nel dettaglio, hanno dato vita a questa nuova tenda, colmando la lacuna lasciata dall’elemento distrutto ed oggi quasi non si avverte più lo stacco tra la zona conservata e quella invece ricostruita dopo i bombardamenti.

LATTORE, NEL PASSATO E NEL PRESENTE

Il nostro è un lavoro che ci permette di spaziare nel tempo, dal passato al futuro con apparente semplicità per creare o ricreare ambienti di grande impatto e prestigio.

È fondamentale in questi casi potersi affidare a fornitori eccellenti dai quali recuperare i giusti tessuti, con le corrette sfumature di colori che rappresentino i tempi e le mode passate, che siano di ottima fattura e rispecchino il modo di vivere dei secoli precedenti.

Tessuti, fatture di pregio ma anche una progettazione all’altezza della situazione e della complessità che le dimore storiche richiedono, un patrimonio inestimabile che abbiamo l’onore e il dovere di conservare al meglio.

potrebbe interessarti anche … 

Colore Pantone 2023

Colore Pantone 2023

Viva Magenta vibra di vitalità e vigore. Viva Magenta, un rosso cremisi ibrido, “coraggioso e senza paura, pulsante, esuberante”, è il colore Pantone 2023 annunciato pochi giorni fa. Della famiglia dei rossi, promette vivacità e vigore…

9 mila campionari per realizzare il divano dei sogni

9 mila campionari per realizzare il divano dei sogni

Da Corriere Torino di Elisabetta Marangoni
Lattore Ambientazioni, un’azienda totalmente artigianale, c’è il rumore delle macchine da cucire che lavorano senza sosta Siamo in zona Cit Turin…

I tessuti, trait d’union di famiglia

I tessuti, trait d’union di famiglia

Più spesso di quanto si crede, ancora oggi, la passione, la creatività e l’amore per un lavoro si tramandano di generazione in generazione. Una nuova generazione di tappezzieri in stoffa. Il lavoro è quel qualcosa che occupa la gran parte…

Salone del Mobile 2022

Salone del Mobile 2022

Il Salone internazionale del Mobile di Milano è quell’appuntamento a cui non si può mancare, che tu sia un appassionato di design, un esperto del settore o semplicemente persone alla ricerca di ispirazioni e bellezza…

Case di città

Case di città

Nuova concezione dell’abitare, colori come sinonimi di sentimenti ed emozioni e nuove esigenze hanno portato a grandi cambiamenti nelle case in cui si vive tutti i giorni, le case di città. Ripensare la propria casa post pandemia…

Colore Pantone 2022

Colore Pantone 2022

Very peri un colore ricco e sognante carico di infinite promesse per una nuova visione del futuro.
Un neo-colore creato per rappresentare il mondo in trasformazione che, sapientemente dosato, regala all’arredamento di casa…

Scampoli d’autore per moltiplicare l’amore

Scampoli d’autore per moltiplicare l’amore

I nostri scampoli, tessuti pregiati di collezioni passati, oltre a combattere lo spreco attraverso un utilizzo creativo e senza fine, vengono usati per confezionare borse in favore de “Il villaggio dei bambini Onlus”…

Lattore 2.0

Lattore 2.0

Elena, Margherita, Maria e Domenico un team di lavoro, una famiglia.
Il cuore pulsante e l’anima di Lattore Ambientazioni, azienda familiare che da più di 60 anni mette al servizio dei clienti non solo la loro professionalità, ma anche la passione e l’amore per l’arte…

Tessuti riciclati

Tessuti riciclati

Anche il mondo dell’arredamento e dell’interior design è sempre più attento a creare tessuti ecocompatibili, di origine naturale, derivanti da fibre biologiche o di origine animale come la lana, il cotone, la seta, il lino, la juta, per citarne alcune. I tessuti riciclati…

TAPPETI DI DESIGN

TAPPETI DI DESIGN

La storia dei tappeti è antichissima, ma oggi quanto mai più viva.
Un tempo venivano usati dai nomadi materiale per isolare le tende, da allora di strada ne è stata fatta tantissima e la funzionalità e l’aspetto estetico è decisamente cambiato..